Il Miele è l’arma contro i superbatteri antibiotico-resistenti. Dai test su diversi tipi di batteri, il Miele risulta sempre efficace

Miele

 

.

.

seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity 

.

.

 

Il Miele è l’arma contro i superbatteri antibiotico-resistenti. Dai test su diversi tipi di batteri, il Miele risulta sempre efficace

Il miele è un arma efficace contro la diffusione dei superbatteri antibiotico-resistenti, cause di infezioni che secondo le stime uccideranno attorno a 10 milioni di persone entro il 2050. I batteri infatti continuano a evolversi e gli antibiotici diventano inefficaci, ma una ricerca dell’University of Technology di Sydney, guidata dalla microbiologa Nural Cokcetin, dimostra che batteri e alcuni superbatteri sono incapaci di resistere alle proprietà medicinali del miele. “Il miele è conosciuto da millenni ma i batteri non hanno imparato a sviluppare resistenza”, ha dichiarato Cokcetin in occasione della Settimana della Scienza a Sydney. “Abbiamo dimostrato che in condizioni nelle quali svilupperebbero rapidamente resistenza agli antibiotici – ha detto Cokcetin, che studia da oltre 10 anni le proprietà antibatteriche e antimicrobiche del miele – in presenza del miele questo non avviene. Abbiamo sperimentato con diversi batteri, diversi antibiotici e diversi tipi di miele. I risultati sono stati coerenti”.

La studiosa e i suoi collaboratori sono tuttora impegnati nell’identificare, in uno studio su campione, le proprietà attive di oltre 1000 varietà di miele. L’efficacia del miele come medicinale dipende da differenti fattori fra cui il contenuto di zucchero, i livelli PH e la presenza di metilgliossale (MGO), il composto che si forma naturalmente nel nettare del fiore di Manuka ed è responsabile delle proprietà eccezionali del miele che ne deriva. Tra le altre proprietà benefiche del miele, osserva Cokcetin, il rafforzamento dei batteri ‘buoni’ nell’intestino e la rimarginazione di ferite croniche.

fonte: http://www.ansa.it/canale_terraegusto/notizie/cibo_e_salute/2017/08/22/miele-e-un-arma-contro-superbatteri-antibiotico-resistenti_bfadf26c-9691-438b-93e4-4d77558f8782.html

Ma quale farmacia. Non buttate soldi – Ecco il fantastico Miele di Manuka che uccide più batteri di qualsiasi antibiotico disponibile.

 

Miele di Manuka

 

.

.

seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity 

.

.

Ma quale farmacia. Non buttate soldi – Ecco il fantastico Miele di Manuka che uccide più batteri di qualsiasi antibiotico disponibile.

Non tutto il miele è uguale. Mentre i benefici del miele crudo e non trasformato sono stati ben documentati nel corso dei secoli, i ricercatori australiani hanno dimostrato che un tipo di miele, chiamato miele di Manuka, si comporta meglio di tutti gli antibiotici noti.

Il miele di Manuka è prodotto dalle api che raccolgono il nettare del Leptospermum Scoparium o della cespuglio Manuka della Nuova Zelanda, così come gli alberi di tè, originari dell’Australia e della Nuova Zelanda.

Questo straordinario tipo di miele non solo effettivamente, uccide i batteri, ma nessuno di quelli uccisi è in grado di costruire l’immunità. Oggi si sente parlare sempre più di batteri resistenti agli antibiotici e il miele di Manuka può contenere la chiave per combattere i problemi di resistenza, salvando migliaia di vite umane in tutto il mondo.

Il dottor Dee Carter, della School of Biosciences molecolare e microbiologica dell’Università di Sydney, ha osservato che gli antibiotici non solo hanno vita breve, ma i batteri che attaccano rapidamente diventano resistenti, rendendoli inutili nel tempo.

Il rapporto, pubblicato nella European Journal of Clinical Microbiology and Infectious Diseases, ha affermato che il miele di Manuka ha ucciso quasi tutti i batteri e il patogeno su cui è stato testato. A differenza di tutti gli antibiotici disponibili sul mercato odierno, nessuno dei batteri verificati è riuscito a sopravvivere al trattamento del miele.

Secondo il dottor Carter, nel miele di Manuka ci sono particolari composti, come il metilglyoxal, che causano un danno al sistema dei batteri, uccidendoli prima di potersi adattare e sviluppare l’immunità.

Le proprietà biologiche del miele di Manuka sono antiossidanti, anti-infiammatorie, antibatteriche, antivirali, antibiotiche e  immuno-stimolatrici. Tuttavia, ciò che separa il miele di Manuka dal resto è che i suoi poteri antibatterici sfidano anche i batteri più duri, come lo Staphylococcus aureus (MRSA) resistente alla meticillina.

Il miele di Manuka è commercializzato per il trattamento e la prevenzione del cancro, il colesterolo alto, l’infiammazione cronica, il diabete, il trattamento dei problemi gastrointestinali e le infezioni dell’occhio, dell’orecchio e del seno. Tuttavia, potrebbe essere più utile nel trattamento delle ferite cutanee e delle ulcere della gamba.

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Peer J, le ferite croniche stanno diventando un grave problema di salute globale, a causa del problema della resistenza agli antibiotici. Sono costosi e difficili da trattare, e i biofilm batterici contribuiscono al ritardo della guarigione. C’è urgente bisogno di agenti nuovi e efficaci, e il miele ha dimostrato un grande potenziale per questo proposito.

Per il loro studio, i ricercatori hanno esaminato il miele di Manuka in particolare come un trattamento alternativo per le ferite a causa della sua attività antibatterica ad ampio spettro e dell’incapacità dei batteri a sviluppare resistenza. Il loro studio ha indicato che il miele potrebbe impedire i biofilm batterici e eliminare i biofilm stabiliti. Inoltre, hanno riferito che il miele di Manuka potrebbe essere utilizzato con successo per uccidere tutti i biofilm MSSA e MRSA in una ferita cronica, sostenendo l’uso di questo tipo di miele come un trattamento topico efficace per le infezioni croniche delle ferite.

Negli ultimi anni, la parola dei benefici biologici del miele di Manuka si è diffusa in ogni angolo del mondo, trasformandolo in uno dei “cibi-salutari” più popolari. La sua fama e la sovra-richiesta, tuttavia, hanno causato la mancanza del prodotto e non manca chi ne ha approfittato mettendo sul mercato un “prodotto falso” a basso costo spacciandolo per miele di Manuka.

Da Ninco Nanco Blog

Curcuma e miele: lo straordinario antibiotico naturale contro freddo e mal di gola

 

Curcuma

.

.

seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity 

.

.

Curcuma e miele: lo straordinario antibiotico naturale contro freddo e mal di gola

Molti di noi conoscono alla perfezione la curcuma e le sue innumerevoli proprietà. Abbiamo visto come possa essere utilizzata per combattere i dolori e l’artrite, come sia capace di curare e prevenire il diabete. Abbiamo anche visto il Golden Milk, un’importante ricetta utile a combattere i dolori muscolari e il mal di gola, grazie all’azione antinfiammatoria della curcumina.

Pochi, però, conoscono il potere della curcuma abbinata al miele.

Il miele è da sempre considerato un antibiotico naturale. Se associato alla cannella, poi, può avere numerosi effetti benefici, utili per combattere, ad esempio: artrite, raffreddore e mal di gola.

Cosa possiamo ricavare allora, unendo il potere antibiotico del miele a quello antinfiammatorio della curcuma?

La prima cosa che possiamo dire è che questo mix genera un potente antibiotico naturale che non solo distrugge i batteri che causano le più comuni malattie, ma favorisce anche le difese naturali del nostro organismo.

A differenza dei comuni antibiotici sintetici, questa sorta di farmaco naturale non ha alcun effetto negativo sulla microflora intestinale.

La curcuma, lo ricordiamo, contiene un potentissimo principio attivo che prende il nome di curcumina, capace di raggiungere più di 150 potenziali attività terapeutiche, tra cui le proprietà antiossidanti, anti-infiammatorie e anti-cancro. Il consumo di curcuma e miele migliora significativamente la digestione e aumenta l’attività della flora intestinale.

Nella medicina Ayurvedica è uno dei più utilizzati rimedi tradizionali utili per combattere il freddo. Ai primi sintomi di mal di gola o malattie da raffreddamento, potreste decidere di ricorrere a questo “miele d’oro”. Una volta preparata la miscela, potrete conservarla tre giorni, il tempo necessario per veder sparire i sintomi del vostro malessere.

Per realizzarla vi servono semplicemente: 100 grammi di miele e 1 cucchiaio di curcuma in polvere. Mescolate bene i due ingredienti e conservateli in un barattolo.

Ai primi segni di raffreddamento, prendete: durante il primo giorno mezzo cucchiaino della miscela ogni ora; durante il secondo giorno ogni due ore e durante il terzo giorno la stessa dose, solo tre volte al giorno.

Potete aggiungere questa miscela nel tè o in altre bevande calde.

La curcuma fluidifica il sangue e riduce la pressione sanguigna. Da prestare attenzione se si soffre di diabete.

In caso di gravi malattie epatiche o alle vie biliari, inoltre, è sempre meglio evitare il fai da te e rivolgersi a uno specialista.

Se questo rimedio viene assunto prima dei pasti, agisce sull’apparato digerente. Durante i pasti, su quello respiratorio.

L’alternativa

Esiste anche un’alternativa molto interessante a questa ricetta che vede l’aggiunta di zenzero, pepe e una spruzzata di limone.

Ecco gli ingredienti:

  • 120 grammi di miele
  • 2 cucchiai di zenzero grattugiato
  • 2 cucchiaini curcuma in polvere
  • 1 limone
  • pepe nero un pizzico

Mescolate tutti gli ingredienti e conservate.

Questa alternativa unisce al potere antinfiammatorio e antiossidante della curcuma, quello dello zenzero che disintossica, aiuta la digestione e combatte i dolori articolari. Il pepe serve poi per aumentare la biodisponibilità della curcumina, come abbiamo visto in un nostro precedente articolo.

Anche in questo caso, la soluzione può essere consumata sciolta in una bevanda calda a piacere.

 

 

Apiterapia l’antica tecnica curativa nota fin dai tempi degli antichi Egizi. Ecco cosa accade al tuo organismo se respiri l’aria dell’alveare per mezz’ora!

Apiterapia

.

.

seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity 

.

.

Apiterapia l’antica tecnica curativa nota fin dai tempi degli antichi Egizi. Ecco cosa accade al tuo organismo se respiri l’aria dell’alveare per mezz’ora!

 

L’apiterapia è nota fin dai tempi degli antichi egizi, e parte di questa ampia terapia comprendeva anche respirare l’aria dell’alveare. Esso infatti contiene tutti i componenti medicinali prodotti dalle api vale a dire miele, propoli, pappa reale, cera d’api e polline.

Nell’aria ci sono anche minuscole particelle di veleno d’api. Il veleno d’api è da sempre utilizzato in apiterapia in vari modi in particolare come agente antinfiammatorio ed analgesico, principalmente per le malattie dei nervi ed è noto da tempo come un ottimo antireumatico.

L’immagine rappresenta un centro di apiterapia in Slovenia. E ‘dimostrato che la respirazione dell’aria dell’alveare ha incredibili benefici per la salute. L’aria dell’alveare contiene ingredienti che aumentano e stimolano la capacità di guarigione del corpo.

E’ un modo innovativo che affonda le sue radici in conoscenze antiche e permette di prevenire e trattare alcuni disturbi delle vie respiratorie in maniera completamente naturale. Tutto questo col respirare l’aria dell’alveare ricca di oli essenziali e resine che hanno un’azione, balsamica, disinfettante e fluidificante.Per fare ciò sono stati ideati gli apiari integrati: delle “casette” in legno alle quali sono collegate le arnie in modo che l’aria balsamica saturi l’ambiente interno alla struttura dove si può passare comodamente un’ora in tutto relax beneficiando degli aromi del  complesso e unico microcosmo dell’alveare.

Questa è solo un’ulteriore prova che spiega come mai gli apicoltori hanno la più alta aspettativa di vita nel mondo e perché nell’antichità i prodotti delle api venivano considerati preziose medicine.

Il trattamento è basato sui principi dell’aromaterapia, le molecole volatili e di piccole dimensioni vengono inalate e assorbite rapidamente dalle mucose delle vie respiratorie entrando rapidamente in circolo per svolgere la loro azione.

L’inalazione dell’aria presente negli alveari ha un effetto estremamente positivo sulla condizione psicofisica umana ed ha ottimi risultati nelle persone con le seguenti condizioni:

  • Bronchite
  • Asma
  • Allergie
  • Stanchezza
  • Malattie virali
  • Malattie polmonari croniche
  • Suscettibilità alle infezioni
  • Sistema immunitario indebolito
  • Infezioni delle vie respiratorie
  • Mal di testa cronico, emicranie
  • Stress
  • Depressione

Inalando l’aria calda dell’alveare, attraverso una maschera respiratoria speciale (come un aereosol), si assorbono queste sostanze preziose, che hanno un effetto medicinale su moltissime condizioni.

L’apiterapia è anche perfetta per gli atleti, i bambini e gli anziani e può essere fatta da aprile a settembre.

Il Periodo di trattamento raccomandato è da tre a dodici giorni, mezz’ora due volte al giorno.

inalazione aria alveare

Rilassamento mentro si inala l’aria dell’alveare. © Luce Moreau

Dagli egizi (5000 anni fa), ai greci, ai romani e ai popoli di tutte le tradizioni, le api rappresentavano abbondanza e benessere e i loro prodotti come miele, polline, pappa reale, propoli e cera erano usati in tantissime cure.

L’importanza attribuita a questi insetti non dipende solo dalla produzione di sostanze così preziose per il benessere dell’uomo ma anche al fatto che la loro presenza è necessaria per la sopravvivenza dell’ecosistemaEinstein ha detto “Quando l’ape scomparirà, l’uomo non avrà più di quattro anni da vivere“, in riferimento all’opera di impollinazione svolta dalle api.

I Babilonesi li ritenevano dei prodotti prodigiosi per la cura di molte malattie, mentre gli Arabi li hanno cantati con versi e canzoni, come simbolo di salute fisica e spirituale.

via Dionidream