Il 3 aprile di 15 anni fa ci lasciava, troppo presto, l’indimenticabile Gabriella Ferri – Ricordiamola con le sue cinque canzoni più belle…

Gabriella Ferri

 

Gabriella Ferri

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity 

.

.

Il 3 aprile di 15 anni fa ci lasciava, troppo presto, l’indimenticabile Gabriella Ferri – Ricordiamola con le sue cinque canzoni più belle…

 

Gabriella Ferri ci lasciava il 3 aprile del 2004, lasciando un vuoto immenso nella musica italiana e nei nostri cuori. La bella e triste Signora di Roma ha saputo reinterpretare la tradizione dei canti popolari con la sua personalità esuberante, raccogliendo l’eredità di Claudio Villa. E’ stata una interprete indimenticabile, vera e sensibile, al punto di ammalarsi di quella depressione che la uccise.

Vogliamo renderle omaggio ricordando le sue 5 canzoni più belle.

Sempre
Ognuno è un cantastoria
Tante facce nella memoria
Tanto di tutto tanto di niente
Le parole di tanta gente.
Tanto buio tanto colore
Tanta noia tanto amore
Tante sciocchezze tante passioni
Tanto silenzio tante canzoni.
Anche tu così presente
Così solo nella mia mente
Tu che sempre mi amerai
Tu che giuri e giuro anch’io
Anche tu amore mio
Così certo e così bello.
Anche tu diventerai
Come un vecchio ritornello
Che nessuno canta più
Come un vecchio ritornello.
Anche tu così presente – sempre
Così solo nella mia mente – sempre
Tu che sempre mi amerai – sempre
Tu che giuri e giuro anch’io – sempre
Anche tu amore mio – sempre
Così certo e così bello.
Anche tu diventerai
Come un vecchio ritornello
Che nessuno canta più
Come un vecchio ritornello
Che nessuno canta più.
Ognuno è un cantastoria
Tante facce nella memoria
Tanto di tutto tanto di niente
Le parole di tanta gente.
Anche tu così presente
Così solo nella mia mente
Tu che sempre mi amerai
Tu che giuri e giuro anch’io
Anche tu amore mio
Così certo e così bello
Anche tu diventerai
Come un vecchio ritornello
Che nessuno canta più
Come un vecchio ritornello
Che nessuno canta più.
Dove sta Zazà
Era la festa di San Gennaro,
quanta folla per la via…
Con Zazá, compagna mia,
me ne andai a passeggiá.
C’era la banda di Pignataro
che suonava il “Parsifallo”
e il maestro, sul piedistallo,
ci faceva deliziá…
Nel momento culminante
del finale travolgente,
‘mmiez’a tutta chella gente,
se fumarono a Zazá!…
Dove sta Zazá?!
Uh, Madonna mia…
Come fa Zazá,
senza Isaia?…
Pare, pare, Zazá,
che t’ho perduta, ahimé!
Chi ha truvato a Zazá
ca mm”a purtasse a me…
Jámmola a truvá…
sù, facciamo presto.
Jámmola a incontrá
con la banda in testa…
Uh, Zazá!
Uh, Zazá!
Uh, Zazá!
tuttuquante aîmm”a strillá:
Zazá, Zazá,
Isaia sta ccá!
Isaia sta ccá!
Isaia sta ccá!…
Zazá, Zazá,
za-za-za-za,
comm’aggi ‘a fá pe’ te truvá?!
I’, senza te, nun pozzo stá…
Zazá, Zazá,
za-za-za-za…
Za-za-za-za-za-za-zá…
Era la festa di San Gennaro,
l’anno appresso cante e suone…
bancarelle e prucessione…
chi se po’ dimenticá!?
C’era la banda di Pignataro,
centinaia di bancarelle
di torrone e di nocelle
che facevano ‘ncantá.
Come allora quel viavai,
ritornò per quella via…
Ritornò pure Isaia,
sempre in cerca di Zazá…
Dove sta Zazá?
Uh! Madonna mia…
Come fa Zazá,
senza Isaia?
Pare pare, Zazá
che t’ho perduta, ahimé!
Chi ha truvato a Zazá,
ca mm”a purtasse a me…
Se non troverò
lei, ch’è tanto bella,
mm’accontenterò
‘e trová ‘a sorella…
T’amerò,
t’amerò,
t’amerò,
pure a lei glielo dirò
che t’amerò:
T’amerò, Zazá!
T’amerò, Zazá!
T’amerò, Zazá!
Zazá, Zazá,
za-za-za-za…
che t’amerò ll’aggi”a cuntá…
Con tua sorella aggi”a sfugá…
Zazá, Zazá,
za-za-za-za…
Zazá, Zazá,
za-za-za-za…
comm’aggi”a fá pe’ te truvá?!
I’, senza te, nun pòzzo stá!
Zazá, Zazá,
za-za-za-za-za…
Za-za-za-za-za-za-zá.

 

 

Dove sta Zazà?
Dove sta Zazá?! Uh, Madonna mia… 

Le Mantellate
Ma che parlate a fa’…qui drento ce sta solo infamità.

 

Remedios
Remedios, niña pequeña, chiquita, hermosa, preciosa… Linda niñita quedada así, sentada en la orilla del mar…

 

Grazie alla vita
Grazie alla vita / Che mi ha dato tanto /Mi ha dato il passo /Dei miei piedi stanchi /Con loro ho attraversato /Città e pozze di fango /Lunghe spiagge vuote /Valli e poi alte montagne /E la tua casa la tua strada /Il tuo cortile…

 

Sempre
Anche tu diventerai /Come un vecchio ritornello /Che nessuno canta più.

 

 

Il 3 aprile di 15 anni fa ci lasciava, troppo presto, l’indimenticabile Gabriella Ferri – Ricordiamola con le sue cinque canzoni più belle…ultima modifica: 2019-04-02T23:06:24+02:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento