Caro Salvini, avevi ragione

 

Salvini

 

.

.

seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity 

.

.

 

Caro Salvini, avevi ragione

In un sabato qualunque qualcuno di noi muore. E quando a farlo sono bambini non si può vedere.

In un sabato qualunque mentre noi ci svegliamo, svegliamo i nostri bambini, lì prendiamo tra le braccia, gli prospettiamo la giornata insieme, gli sussurriamo parole come sabbia, mare, sole, ti proteggerò; qualche altro bambino non ha più un nome. E nessuno, probabilmente, potrà piangerlo. Non ci sarà una madre sulla sua tomba. E nemmeno una tomba.

In un sabato qualunque mentre noi sappiamo che c’è un presente e pure un futuro per i nostri figli, qualche altro bambino non ha più né uno né l’altro.

Sarà solo un corpo appoggiato al suolo, forse un numero. E ci dimenticheremo di lui.
Come non ci fosse mai stato.

Ci dimenticheremo di averlo visto abbandonato tra le braccia di un uomo che l’ha sottratto al mare troppo tardi.

Ci dimenticheremo che aveva una madre e un padre e forse dei fratelli. Che non eravamo noi.

Ci dimenticheremo che non era solo, che altri con lui hanno intrapreso il viaggio e non hanno trovato una terra.

Ci dimenticheremo che aveva già mosso i suoi primi passi sotto lo sguardo attento di sua madre e che lei era felice. Che prima di morire lo ha stretto a sé, come farebbe ognuno di noi, e forse gli ha sussurrato una storia con un lieto fine.

E quel finale che di lieto non ha niente, nemmeno per un bambino, ci vede protagonisti purtroppo.

Ci dimenticheremo che la sua vita, dal mare in poi, non sarebbe stata come quella dei nostri figli. Che per lui avere un luogo in cui esistere e crescere sarebbe stata una scommessa.

Bene, caro Salvini, abbiamo chiuso i porti e ci siamo tolti il problema. Il nostro confine è salvo. La nostra terra pure. L’anima però, quella, l’abbiamo persa. Per sempre. È rimasta incagliata in mezzo al mare insieme all’anima di quel bambino e a tutti quelli che sono morti insieme a lui. Questa sarà la nostra punizione. Non avere più un’anima con cui fare i conti.

Sarà, soprattutto, la tua e di tutti quelli che la pensano come te.

La mia, e di quelli come me, invece, è di stare a guardare. Di non fermarvi. Di non urlare a gran voce che per me quel bambino conta. Che è un po’ figlio mio. Che ogni bambino conta, e pure ogni uomo conta.

E se l’umanità, come sostieni tu, ha pesi differenti. Conterebbero questi uomini con i loro bambini. Molto più di te.

di Cinzia Pennati*

* Insegnante, scrittrice e madre di due ragazze adolescenti. Sul sul suo blog sosdonne.com – dove questo articolo è apparso – dice di scrivere “per necessità” e che la sua ragazza quindicenne fa i disegni (davvero belli, come quello di questo articolo). Il suo primo romanzo si intitola Il matrimonio di mia sorella. Ha autorizzato con piacere Comune a pubblicare i suoi articoli e ha aderito alla campagna Un mondo nuovo comincia da qui

tratto da: https://comune-info.net/2018/06/caro-salvini-avevi-ragione/

Cellulite, bicarbonato e limone fanno (quasi) miracoli

 

Cellulite

 

.

.

seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity 

.

.

Cellulite, bicarbonato e limone fanno (quasi) miracoli

Bicarbonato e limone, due ingredienti che tutti abbiamo in casa ed efficaci per combattere la cellulite. Ecco tutto quello che devi sapere

L’estate è intorno a noi, e con lei la bella stagione e la voglia di andare al mare o in piscina. Ma come combattere quel fastidioso inestetismo che è la cellulite? Dimentica creme e rimedi che si trovano in commercio e convertiti a un metodo più naturale, ed economico, per combattere la buccia d’arancia.

Con due ingredienti che tutti abbiamo in casa è possibile preparare moltissime semplici ricette per combattere la cellulite in modo naturale. Infatti il bicarbonato ha proprietà esfolianti e tonificanti e stimola la pelle rendendola più ricettiva levigando le irregolarità, mentre il limone ha un effetto disintossicante e purificante che lo rendono il perfetto alleato contro la cellulite.

 Dieta disintossicante al limone

Se desideri purificare il tuo organismo da tossine, spesso conseguenza di una cattiva alimentazione, il limone è un ottimo ingrediente da incorporare nella tua dieta. Puoi avvalerti della regola generale di “un limone al giorno” per vedere fin da subito dei risultati: appena svegliata, la mattina, a stomaco vuoto bevi un bicchiere di acqua e limone e per il resto della giornata, usa il limone come condimento. Incorporare il limone nella tua dieta risveglierà il metabolismo e ti sentirai fin da subito più sgonfia e leggera.

Scrub rassodante al limone

Per preparare lo scrub rassodante al limone mescola un bicchiere di sale grosso, il succo di un limone, mezzo bicchiere di olio d’oliva, un cucchiaio di miele e 8 gocce di olio essenziale di limone.

Il sale grosso ha proprietà drenanti e rivitalizzanti, il limone, oltre alla proprietà citate prima, agisce sulla pelle rendendola luminosa, schiarendo le macchie e stimola la produzione di collagene, l’olio d’oliva ha proprietà nutrienti e elasticizzanti, mentre il miele rende la pelle liscia e levigata. Massaggia energeticamente il composto sotto la doccia sulla pelle bagnata con movimenti circolari dal basso verso l’alto per qualche minuto. Risciacqua e ripeti questo scrub almeno una volta della settimana per ottenere una pelle più tonica, liscia e levigata.

Bicarbonato e miele: l’accoppiata vincente

Secondo l’esperta in problemi di pelle Nataliya Robinson questi due ingredienti sono la chiave per combattere la cellulite. La ricetta magica? Ti basterà mischiare in una ciotola un cucchiaino di miele e uno di bicarbonato di sodio, diluiti con un po’ d’acqua, e massaggiare intensamente il composto su gambe, cosce, pancia e braccia per 2-3 minuti.

Attraverso questo massaggio migliorerai la circolazione del sangue e il flusso linfatico. Il bicarbonato infatti va ad esfoliare la pelle mentre il miele la idrata e va a ridurre la comparsa di cellulite senza sovraccaricare il corpo con le tossine e le sostanze chimiche che si trovano nei tradizionali prodotti in commercio.

fonte: QUI

 

La vendetta: banda di bracconieri a caccia di animali protetti, sbranata da branco di leoni in una riserva del Sudafrica. Com’è che non mi dispiace affatto?

 

leoni

.

.

seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity 

.

.

 

 

La vendetta: banda di bracconieri a caccia di animali protetti, sbranata da branco di leoni in una riserva del Sudafrica. Com’è che non mi dispiace affatto?

Banda di bracconieri sbranata da branco di leoni in Sudafrica

In Sudafrica un gruppo di leoni ha sbranato una banda di bracconieri composta almeno da due persone, che si trovavano in una riserva probabilmente per cacciare rinoceronti. La vicenda, che fa da contraltare a quella del rinoceronte ucciso per un centimetro di corno pochi giorni fa, è riportata dal sito locale Sowetan Live.

L’attacco è avvenuto nella Sibuya Game Reserve, nella parte orientale del paese. Vicino ai resti delle persone sbranate sono stati trovati un fucile da caccia con il silenziatore, un’ascia e delle pinze taglia-fili, tutti ‘attrezzi’ usati di solito dai bracconieri. L’arma è ora sotto analisi da parte della polizia, che sta verificando se è già stata usata in crimini simili in precedenza. “A giudicare dalle scarpe e dagli oggetti trovati erano due, forse tre persone – afferma Nick Fox, il gestore del parco che ha già avuto incursioni in precedenza. I resti erano sparsi su un’area molto ampia, ma è certo che fossero bracconieri. L’ascia trovata è del tipo usato per staccare il corno dopo aver ucciso l’animale”.

Il branco che ha assalito gli uomini è di sei leoni, che ora sono tenuti ‘sotto osservazione’. I commenti alla notizia su Facebook sono tutti ‘dalla parte’ degli animali, nota Fox, con molti che inneggiano al ‘karma’ proprio in riferimento alla vicenda del rinoceronte ucciso qualche giorno fa, avvenuto in un’altra riserva.

tratto da:

https://www.facebook.com/rhinofoundation/posts/1863483003673188

Ecco il primo farmaco a base di cannabis approvato dalla FDA che “blocca” epilessia…

 

cannabis

 

.

.

seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity 

.

.

 

Ecco il primo farmaco a base di cannabis approvato dalla FDA che “blocca” epilessia…

Primo farmaco a base di cannabis ‘blocca’ due gravi forme di epilessia: approvato dalla FDA

Il medicinale, chiamato Epidiolex e prodotto da una casa farmaceutica britannica, ha superato con successo gli studi clinici sulla sindrome di Dravet e la sindrome di Lennox-Gastaut, due gravi patologie a esordio infantile caratterizzate da violente convulsioni. Il farmaco grazie all’azione del cannabidiolo riesce a ridurne significativamente il numero.

Il primo farmaco a base di cannabis è stato approvato dalla Foood and Drug Administration (FDA), l’ente governativo americano che si occupa della regolamentazione di farmaci e prodotti farmaceutici, oltre che di terapie sperimentali. Si tratta dell’Epidiolex, uno sciroppo prodotto dalla casa farmaceutica britannica GW Pharmaceuticals che sarà messo in commercio per contrastare due gravi forme di epilessia a esordio infantile: la sindrome di Lennox-Gastaut – una encefalopatia – e la sindrome di Dravet o epilessia mioclonica grave dell’infanzia, una rara condizione genetica. Per quanto concerne quest’ultima, l’Epidiolex è il primo farmaco approvato dalla FDA per il suo trattamento.

Il principio attivo dell’Epidiolex è il cannabidiolo (CBD), una delle numerose componenti chimiche presenti nella pianta della canapa utile (Cannabis sativa), dalla quale si ottengono sostanze stupefacenti come la marijuana. Il cannabidiolo non è uno psicoattivo come il THC o delta-9-tetraidrocannabinolo, il principio attivo maggiore della marijuana che è alla base degli effetti antidolorifici ed euforizzanti. Al contrario, il CBD è noto nella sperimentazione come antiossidante e antiinfiammatorio, ma soprattutto come anticonvulsivante, il motivo per cui è finito al centro della ricerca sulle due sindromi.

Il medicinale, uno sciroppo, agisce infatti nel ridurre le gravi convulsioni – spasmi muscolari incontrollati – che caratterizzano entrambe le patologie. Negli studi clinici condotti sino ad oggi, ha dimostrato di essere sensibilmente più efficace dei placebo, conquistando così la fiducia dei 13 membri che compongono il comitato consultivo della FDA. Lo scorso aprile con un voto all’unanimità raccomandarono l’Epidiolex, in attesa dell’approvazione definitiva arrivata il 25 giugno. Pur essendo estremamente efficace, la soluzione orale presenta comunque degli effetti collaterali da non sottovalutare, come l’aumento degli enzimi epatici, diarrea, debolezza, riduzione dell’appetito, una forte sonnolenza, infezioni, eruzioni cutanee, sonno disturbato e malessere generale. Tenendo presente la gravità delle convulsioni, tuttavia, i benefici sono di gran lunga superiori.

Negli Stati Uniti il farmaco dovrebbe essere commercializzato al massimo entro l’autunno, mentre in Europa l’organo competente – la European Medical Society – dovrebbe pronunciarsi nel giro di alcuni mesi. Ancora non è noto il prezzo. Trattandosi di un medicinale che può essere sfruttato per trattare patologie diverse da quelle per cui è stato testato, è probabile che in futuro verrà prescirtto anche per altre condizioni.

fonte: walesjaqueline

l pomodoro nero italiano rallenta l’invecchiamento: il segreto del Sunblack è nella buccia

 

pomodoro

 

.

.

seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity 

.

.

 

l pomodoro nero italiano rallenta l’invecchiamento: il segreto del Sunblack è nella buccia

Ricercatori del laboratorio PlantLab presso l’Istituto di Scienze della Vita della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa hanno svelato il segreto genetico della buccia nera del ‘SunBlack’, il pomodoro nero ricchissimo di antiossidanti creato nel 2008 incrociando due distinte varietà. Il colore è legato a un gene mutato che nei pomodori tradizionali sopprime la produzione di antociani.

A dieci anni esatti dalla sua creazione in laboratorio, è stato finalmente svelato il segreto della “buccia nera” – in realtà un intenso viola scuro – del prelibato e salutare pomodoro SunBlack, ricchissimo di antiossidanti. Il suo colore deriva da un gene della varietà di pomodoro chiamata atroviolacea (atv), la cui origine potrebbe risalire a un incrocio con un pomodoro selvatico avvenuto decenni addietro.

Il peculiare frutto scuro fu sviluppato nel 2008 grazie alla collaborazione di quattro atenei italiani, l’Università della Tuscia, l’Università di Pisa, l’Università di Modena e Reggio Emilia e la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. I ricercatori lo ottennero combinando due varietà distinte di pomodoro: la già citata atroviolacea (atv), caratterizzata da foglie ricche di antiossidanti, e la Anthocyanin Fruit (Aft), dove è la buccia dei frutti – di colore leggermente violaceo – ad avere un contenuto superiore di queste sostanze.

L’intento degli studiosi era proprio quello di ottenere un innovativo prodotto salutare, contenente un numero sensibilmente superiore di antociani rispetto ai pomodori tradizionali. Questi pigmenti noti per le elevate capacità antiossidanti, infatti, sono abbondanti in frutti come mirtilli, arance rosse e uva nera, che tuttavia non vengono consumati con la medesima frequenza dei pomodori. Da qui nacque il SunBlack, che non è un organismo geneticamente modificato (OGM), dato che è stato ottenuto attraverso incroci tradizionali.

Benché sviluppato in laboratorio, il pomodoro “nero” celava ancora il segreto della sua buccia, ma grazie al lavoro dei genetisti del laboratorio PlantLab, coordinato dal rettore della Scuola Superiore Sant’Anna Pierdomenico Perata, è stato finalmente individuato il frammento di DNA alla base delle sue proprietà nutraceutiche. Il gene in questione, che codifica per una proteina R3-MYB ed è responsabile della repressione molecolare degli antociani nei pomodori tradizionali, nella variante atv risulta inattivo, ed è proprio per questo che le sue foglie possono esprimere questi pigmenti antiossidanti, così come la buccia del derivato SunBlack.

Conoscere questa sequenza di DNA, spiega Perata, permetterà di realizzare più facilmente nuove varietà di SunBlack, inoltre sarà possibile “verificare l’avvenuto incrocio con un semplice test del Dna, invece di dover attendere la produzione dei frutti per verificare l’effettiva presenza degli antociani”. Studiando il profilo genetico della varietà Anthocyanin Fruit i ricercatori guidati dal professor Perata sperano di ottenere ulteriori informazioni per spingere a produrre ancor più antociani nei pomodori SunBlack, magari all’interno della polpa, tenendo presente che al momento sono limitati alla sola buccia. I dettagli della nuova ricerca, messa a punto da Perata assieme alle dottoresse Sara Colanero e Silvia Gonzali, sono stati pubblicati sulla rivista scientifica specializzata Frontiers in Plant Science.

[Credit: Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa]

continua su: https://scienze.fanpage.it/il-pomodoro-nero-italiano-rallenta-l-invecchiamento-il-segreto-del-sunblack-e-nella-buccia/
http://scienze.fanpage.it/

 

 

 

fonte: https://scienze.fanpage.it/il-pomodoro-nero-italiano-rallenta-l-invecchiamento-il-segreto-del-sunblack-e-nella-buccia/

Viva le quattro more: la vittoria delle nostre Pantere è un trionfo per l’Italia anti-razzista

anti-razzista

 

.

.

seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity 

.

.

 

Viva le quattro more: la vittoria delle nostre Pantere è un trionfo per l’Italia anti-razzista

Viva le Quattro more: la loro vittoria un trionfo per l’Italia anti-razzista

Loro sono brave belle e veloci. Velocissime come questo mondo che corre, comunica, si muove come non aveva mai fatto prima.

Le donne belle sono le donne libere e felici, quelle che vivono per un ideale, una passione. Loro sono il volto dell’Italia reale contro l’intolleranza xenofoba e la retorica dei ‘veri italiani’ bianchi che ricorda sinistramente le teorie della purezza della razza.
Loro sono la migliore risposta alla negazione dello Ius Soli che discrimina ragazzi nati in Italia e che da noi vivono regolarmente, hanno fatto le scuole e parlano perfettamente (come è ovvio che sia) la lingua della terra dove sono nati. Loro sono brave belle e veloci. Velocissime come questo mondo che corre, comunica, si muove come non aveva mai fatto prima. Idee e persone entrano in contatto senza più ostacoli. Internet, i social, i mezzi di trasporto veloci. Come possiamo credere di fermare le persone, il loro desiderio di contatto e di riscatto? Un secolo fa un pastore della Sardegna poteva anche non aver mai visto il mare o Nuoro. Il suo razzismo, la sua paura del diverso era giustificabile. Oggi no. Oggi sappiamo cosa succede praticamente ovunque. Il lager nazisti non erano conosciuti dalla maggior parte dei tedeschi, i lager libici sappiamo invece che esistono. Abbiamo foto, video, racconti. Tutto in tempo reale. Non abbiamo più alibi, ci è rimasta solo la cattiveria.

 

Maria Benedicta Chigbolu, Ayomide Folorunso, Raphaela Lukudo e la campionessa europea Libania Grenot hanno vinto la medaglia d’oro nella staffetta femminile 4×400 ai Giochi del Mediterraneo a Tarragona, in Spagna.
Una vittoria nello stesso giorno in cui a Pontida è andato in scena un meeting pieno di odio, razzismo e egoismo nazionalista (nel senso deteriore della parola). Oggi il razzismo ha già perso perché nessuno potrà fermare questo esodo di persone, idee e culture. Non lo permetterà la tecnologia ma anche i ragazzi dell’erasmus, le nuove gerazioni che si sono mescolate per scelta, studio, lavoro.

 

Migliaia i tweet e i post per celebrare la vittoria delle quattro ragazze. Mentre ovviamente non sono mancati post polemici come questo in cui si chiedeva che “visto che 4 ragazze italiane di colore vincono la staffetta 4×400 non sia adesso il caso di far entrare tutta l’Africa in Italia, così giusto per dominare le future olimpiadi?”.

 

Ma chi sono queste donne meravigliose? 

 

Libania Grenot, la più famosa del quartetto. Sempre dalle pagine Fidal si scopre che Libania “a Cuba era considerata un talento. Il papà Francisco è sindacalista, la mamma Olga giornalista. L’ultima apparizione con la maglia rossoblù e la stella è stata quella dei Mondiali di Helsinki 2005. Poi l’avventura italiana propiziata dal matrimonio, nel settembre 2006. Un anno di inattività praticamente completa, quindi la ripresa con il tecnico Riccardo Pisani a Tivoli. La cittadinanza è arrivata ad aprile 2008 aprendole la strada per il primo miglioramento del record italiano dei 400, da lei portato nel 2009 a 50.30. Dalla fine del 2011 si allena in Florida seguita dal tecnico statunitense Loren Seagrave. Nel 2014 la consacrazione internazionale con la vittoria agli Europei di Zurigo, mentre il 27 maggio 2016 è diventata primatista italiana dei 200 metri (22.56) a Tampa, negli Stati Uniti. Ha confermato il titolo continentale nel 2016 ad Amsterdam, dove ha conquistato anche il bronzo con la 4×400 azzurra, poi la sua prima finale olimpica individuale a Rio, seguita dal record italiano in staffetta”.

 

Ayomide Folorunso, 22 anni. Sempre la biografia della Fidal informa che “la sua famiglia è originaria del Sud-Ovest della Nigeria, ma “Ayo” dal 2004 si è stabilita con i genitori – la mamma Mariam e il papà Emmanuel, geologo minerario – a Fidenza: qui è stata notata nelle competizioni scolastiche dal tecnico Chittolini e affidata a Maurizio Pratizzoli. Non è riuscita a vestire l’azzurro nei Mondiali under 18 del 2013 pur avendo ottenuto il minimo in ben cinque specialità, perché ha ricevuto il passaporto pochi giorni dopo la rassegna iridata. A giugno del 2015 è stata arruolata in Fiamme Oro, proveniente dal Cus Parma. Nel 2016, agli Assoluti di Rieti, ha stabilito il primato italiano under 23 dei 400 ostacoli in 55.54 migliorando il personale di oltre un secondo, ritoccato a 55.50 con il quarto posto in finale agli Europei di Amsterdam. Semifinalista ai Giochi di Rio, dove ha realizzato il primato italiano con la staffetta 4×400 azzurra, nel 2017 ha conquistato il titolo europeo under 23 e anche l’oro alle Universiadi. Studentessa di medicina e aspirante pediatra, dimostra una personalità matura anche negli interessi culturali: appassionata di letture fantasy, non manca di approfondire quotidianamente anche le Sacre Scritture nella comunità pentecostale alla quale appartiene”.

 

Raphaela Lukudo, 24 anni, si viene a sapere che “la famiglia è originaria del Sudan, ma si era stabilita da tempo in Italia: prima nel Casertano e successivamente, quando “Raffaella” aveva appena due anni, a Modena. Ha scoperto l’atletica nel 2006, con il Mollificio Modenese, per diventare quindi una promessa del giro di pista sotto la guida tecnica di Mario Romano. Nel 2011, dopo aver dimostrato il suo valore ancora allieva ai Mondiali di categoria (semifinalista sul piano nonostante un infortunio alla vigilia della gara), si è trasferita per un paio di anni con la famiglia nei pressi di Londra, rientrando poi in Italia. Dal giugno 2015 si allena con Marta Oliva alla Cecchignola, nel centro sportivo dell’Esercito. Nella stagione indoor 2018 ha conquistato il suo primo titolo assoluto sui 400 metri per scendere a 53.08, ottava italiana alltime. Studia scienze motorie ma ha frequentato l’istituto d’arte, conservando la passione per “disegno e foto”.

 

Maria Benedicta Chigbolu, 29 anni, come si legge nella biografia Fidal (la Federazione italiana di atletica) è “la seconda di sei figli (tre fratelli e tre sorelle) di una insegnante di religione, Paola, e di un consulente internazionale nigeriano, Augustine. Il nonno Julius è stato una celebrità in Nigeria: ha partecipato ai Giochi olimpici di Melbourne 1956 arrivando in finale nel salto in alto e poi è anche diventato presidente della Federatletica nigeriana. Il primo approccio con l’atletica a sedici anni quando un professore dell’Istituto magistrale socio psicopedagogico Vittorio Gassman di Roma, notate le sue notevoli qualità fisiche, l’ha indirizzata al campo romano della Farnesina. Qui ha cominciato a praticare l’atletica seguita da Fulvio Villa. Reclutata nell’Esercito, è allenata a Rieti da Maria Chiara Milardi e legata sentimentalmente al quattrocentista azzurro Matteo Galvan. Ha vinto il bronzo europeo della 4×400 nel 2016, poi ha realizzato il primato italiano con la staffetta azzurra ai Giochi di Rio. Laureata in scienze dell’educazione e della formazione, in passato ha anche fatto la fotomodella”.

 

Da Sarda ho pensato ai Quattro mori… accostamento facile. Ma quella bandiera che tanto amo oggi l’ho immaginata con i volti di queste donne stupende che hanno battuto l’orrore di Pontida
tratto da: https://www.globalist.it/news/2018/07/02/viva-le-quattro-more-la-loro-vittoria-un-trionfo-per-l-italia-anti-razzista-2027193.html

Le cinque buone abitudini che ti allungano la vita di almeno 10 anni

 

vita

 

.

.

seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity 

.

.

 

Le cinque buone abitudini che ti allungano la vita di almeno 10 anni

Uno studio dimostra che queste cinque buone abitudini ci allungano la vita di almeno 10 anni.

Speriamo sempre di vivere più a lungo possibile, ma allo stesso tempo seguiamo stili di vita che non aiuto a mantenere il nostro corpo in salute, come il vizio dell’alcol e del fumo. Adesso i ricercatori ci svelano quali sono le cinque abitudini che dovremmo avere per allungare la nostra vita di almeno dieci anni. Ecco quali sono.

Lo studio. Problemi al cuore, ictus e altre condizioni ci portano ad una morte prematura, eppure in Occidente non abbiamo i problemi che di solito sono responsabili di un incremento del rischio di morte, cosa sbagliamo? Per darci una risposta i ricercatori hanno analizzato i dati raccolti da due grandi studi di coorte che prendono in considerazione diversi aspetti della nostra vita quotidiana, dalla dieta alle informazioni mediche e hanno scoperto che per allungare la nostra aspettativa di vita dobbiamo:

smettere di fumare

mangiare sano

fare sport, almeno 30 minuti al giorno

mantenere sotto controllo il peso (18.5-24.9 kg/m)

ridurre il consumo di alcol (15g/giorno per le donne e tra i 5 e i 30 grammi al giorno per gli uomini)

I risultati. Dai dati raccolti è emerso che:

a confronto con coloro che non hanno fatto loro nessuna delle abitudini, per i soggetti che invece le hanno seguite tutte e cinque il rischio di morte si era ridotto del 74%, il rischio di morte per malattia cardiovascolare si era ridotto dell’82% e il rischio di morte per cancro si era ridotto del 65%
I ricercatori sostengon che c’è un’associazione diretta tra il comportamento di ognuno di noi e il rischio di morte prematura e che fare proprie tutte e cinque queste abitudini allunga realisticamente la durata della vita: stiamp arlando di 14 anni in più per le donne e 12 in più per gli uomini.

La ricerca, intitolata “Impact of Healthy Lifestyle Factors on Life Expectancies in the US Population” è stata pubblicata sulla rivista Circulation.

fonte: https://scienze.fanpage.it/le-cinque-buone-abitudini-che-ti-allungano-la-vita-di-almeno-10-anni/
http://scienze.fanpage.it/

Le calorie non sono tutte uguali: quali sono le più dannose per la salute

 

calorie

 

.

.

seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity 

.

.

 

Le calorie non sono tutte uguali: quali sono le più dannose per la salute

Un team internazionale di esperti della nutrizione ha dimostrato che le calorie delle bevande zuccherate sono più dannose per la salute rispetto ad altre, come quelle dell’amido. La ragione risiede nell’aumento dei fattori di rischio per le malattie metaboliche e cardiache.

A parità di calorie, quelle delle bevande zuccherate fanno più male alla salute, poiché rispetto alle altre aumentano significativamente i fattori di rischio per le malattie cardiache e metaboliche. Anche all’interno di diete che non comportano un aumento del peso. A portare nuovamente sul banco degli imputati le bibite è stato un copioso team di ricerca composto da studiosi di vari istituti internazionali, tra i quali il Children’s Hospital Oakland Research Institute (Stati Uniti), l’Università della California di Davis, l’Università di Stanford e l’Università di Kiel (Germania).

Gli scienziati coinvolti nell’indagine, coordinati dalla professoressa Kimber Stanhope, docente presso la Scuola di Medicina Veterinaria dell’ateneo californiano, sono tutti esperti di scienze nutrizionali, e hanno deciso di riunirsi per rispondere all’annoso quesito sulla ‘qualità’ delle calorie. In parole semplici, si sono chiesti se sono tutte uguali sotto il profilo degli effetti sulle malattie cardiometaboliche e sull’obesità. La risposta è stata seccamente no, dimostrando che le calorie delle famigerate bevande zuccherate hanno un impatto maggiormente negativo.

“La novità è che un gruppo impressionante di scienziati con una vasta esperienza nella nutrizione e nel metabolismo concordano con la conclusione che le bevande zuccherate aumentano i fattori di rischio cardiometabolico rispetto a quantità uguali di amido”, ha dichiarato l’autrice principale dello studio, anch’essa biologa nutrizionista.

Gli studiosi, che hanno presentato i risultati della propria indagine in seno alla Conference Academic CrossFit Foundation, hanno dimostrato anche che l’aspartame, uno dei dolcificanti più diffusi, non fa ingrassare come suggeriscono alcuni. Stanhope e colleghi hanno inoltre indicato che i grassi polinsaturi di noci, semi e oli vegetali hanno un fattore di rischio minore per le malattie rispetto a quelli saturi, ma ciò non è sempre vero quando si tratta di formaggio e yogurt. I dettagli della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Obesity Reviews.

fonte: https://scienze.fanpage.it/le-calorie-non-sono-tutte-uguali-quali-sono-le-piu-dannose-per-la-salute/
http://scienze.fanpage.it/

 

Il cioccolato fa bene – Un toccasana per memoria, umore e sistema immunitario. Cura infiammazioni e stress e quello con il 70% di cacao può aiutare perfino contro la colite

 

cioccolato

 

.

.

seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity 

.

.

Il cioccolato fa bene – Un toccasana per memoria, umore e sistema immunitario. Cura infiammazioni e stress e quello con il 70% di cacao può aiutare perfino contro la colite

Il cioccolato fa bene, quello con il 70% di cacao può aiutare perfino contro la colite

Benefico per memoria, umore e immunità. Ma anche contro infiammazioni e stress

Consumare ogni giorno piccole quantità di cioccolato fondente fa bene alla salute, ma per evidenziare tali benefici il cioccolato consumato deve contenere almeno il 70% di cacao e un 30% di zucchero di canna biologico. A ribadire questo concetto due recenti studi statunitensi che hanno insistito molto sul fatto che con un contenuto di cacao inferiore al 70% i benefici di salute non ci sono.

Maggiore è il contenuto di cacao, infatti, più elevato è l’apporto di flavonoidi, le molecole dall’attività antiossidante. Il cioccolato in commercio, spesso viene arricchito di zuccheri e grassi saturi per mitigarne il sapore amaro a discapito del contenuto in antiossidanti.

Potenziamento delle difese immunitarie e della memoria

Gli studi condotti presso l’Università di Loma Linda in California, hanno dimostrato che un consumo di cioccolato fondente, composto per almeno il 70% di cacao, è benefico per la memoria, l’umore, l’immunità, l’infiammazione e lo stress.

Nello specifico a 5 volontari sono stati somministrati per 8 giorni consecutivi 48 g di cioccolato fondente al 70% e sono stati notati miglioramenti significativi nel funzionamento delle difese immunitarie, grazie all’attivazione delle cellule responsabili della risposta immunitaria (i linfociti T), ma anche un effetto positivo sulle performance di memoria e nell’apprendimento di nuove abilità.

«È bene ricordare che i flavonoidi contenuti nel cacao sono in grado di stimolare la produzione e il rilascio di Ossido Nitrico. Questo porta a un aumento del flusso ematico cerebrale e della perfusione sanguigna del sistema nervoso centrale e periferico, tale da fornire ossigeno e glucosio ai neuroni, eliminando anche i metaboliti dei rifiuti nel cervello e negli organi sensoriali e stimolando l’angiogenesi nell’ippocampo – chiarisce Barbara Paolini, vicesegretario nazionale ADI (Associazione Italiana di dietetica e nutrizione clinica) e medico dietologo dell’AOU Senese la quale sottolinea anche i benefici di un consumo modesto, ma regolare per intestino e sistema cardiovascolare – I polifenoli presenti nel cioccolato esercitano un’azione antinfiammatoria sull’intestino colitico, migliorando l’integrità della mucosa, suggerendo un effetto inibitorio sul rilascio di citochine pro-infiammatorie, con riduzione dell’infiltrazione dei neutrofili, e generazione di NO (Ossido Nitrico), tale da essere associato al miglioramento della colite.

La liberazione di NO che si osserva per consumo di cioccolato fondente con buon contenuto di flavonoidi, inoltre, determina un’azione di vasodilatazione, antinfiammatoria con riduzione dell’aterogenesi. L’aumento di NO, infine, può spiegare gli effetti antiipertensivi del cacao, ma anche il miglior profilo lipidico grazie alla riduzione del colesterolo LDL e incremento dell’HDL».

Ma come fare a consumare cioccolato anche in estate? Ecco come si conserva

Via libera, quindi, a un moderato consumo di cioccolato fondente anche tutti i giorni. Con il caldo però, il cioccolato si scioglie, come conservarlo e come mangiarne quel tanto che può far bene?

«Il cioccolato è sensibile al calore – spiega la dottoressa Paolini – . Per la sua preparazione è importante la fase del temperaggio, attraverso il quale si cristallizza il burro di cacao ottenendo la croccantezza e la struttura che conosciamo. Se sottoponiamo la tavoletta a temperature troppo alte, i cristalli di burro di cacao si modificano e ricristallizzano, perdendo in gusto e consistenza. Perché non si formi la patina bianca, occorre scegliere un luogo di conservazione con una buona aerazione, fresco con una temperatura ottimale intorno a 20°, chiuso ermeticamente che non prenda sapori, privo di umidità e lontano da fonti di luce e calore. Il cioccolato si può anche congelare, con l’accortezza di scongelarlo (come tutti gli alimenti) gradualmente in frigorifero».

 

 

fonte: http://www.lastampa.it/2018/06/27/scienza/il-cioccolato-fa-bene-quello-con-il-di-cacao-pu-aiutare-perfino-contro-la-colite-AUo3HK0keoOHiTTJBHpdFI/pagina.html

A due anni dalla scomparsa del mitico Bud Spencer, vogliamo ricordarlo con un fantastico cult: il coro dei pompieri!

 

Bud Spencer

 

.

.

seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity 

.

.

 

A due anni dalla scomparsa del mitico Bud Spencer, vogliamo ricordarlo con un fantastico cult: il coro dei pompieri!

Chi non ricorda il “coro dei pompieri”? Momento cult del film (altrettanto cult) “Altrimenti ci arrabbiamo!” con Bud Spencer e Terence Hill. Autori della colonna sonora furono i grandissimi Oliver Onions (Guido e Maurizio De Angelis)