Creme antirughe, alcune funzionano veramente, altre sono spazzatura. Ecco l’interessantissimo test della rivista francese 60 Millions de Consommateurs

Creme antirughe

 

Creme antirughe

 

.

.

seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity 

.

.

 

Creme antirughe, alcune funzionano veramente, altre sono spazzatura. Ecco l’interessantissimo test della rivista francese 60 Millions de Consommateurs

 

Creme antirughe, tre su dieci funzionano davvero

Chi non sogna di avere una pelle liscia e senza rughe anche in età avanza alzi la mano. Il mercato offre tanti prodotti cosmetici molti dei quali avrebbero effetti miracolosi. Purtroppo, però, nella maggior parte dei casi, mentono. E’ quanto ha messo in evidenza l’ultimo test della rivista francese 60 Millions de Consommateurs che ha confrontato 10 creme antirughe. Solo tre prodotti sono stati promossi perché superano la prova dell’efficacia: la crema Caudalia, Nuxe e Lei Cosmetique (il marchio Carrefour). Per valutarne l’efficacia, gli esperti della rivista hanno misurato gli effetti sulle rughe del viso di 20 persone che hanno utilizzato la crema per 28 giorni. L’ispessimento delle rughe è stato misurato con un dispositivo, il DermaTOPHE.

(continua dopo l’immagine)

Bocciate le altre 7 creme, principalmente perché hanno fallito nella prova regina (quella dell’efficacia) ma gli ultimi due, Nivea e Cien (Lidl) hanno deluso anche per la presenza di un filtro solare all’interno della loro composizione. Anche non considerando i filtri
UV, la maggior parte delle creme non brilla per gli ingredienti utilizzati. Le liste degli ingredienti, in molti casi, rivelano nomi di sostanze poco raccomandabili come allergeni e fenossietanolo, un conservante controverso.

 

fonte: https://ilsalvagente.it/2018/10/26/creme-antirughe-tre-su-dieci-funzionano-davvero/42324/

Creme antirughe, alcune funzionano veramente, altre sono spazzatura. Ecco l’interessantissimo test della rivista francese 60 Millions de Consommateursultima modifica: 2018-10-26T19:12:58+02:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento