Un piccolo tributo a Ivan Graziani, il magico cantautore scomparso il 1° gennaio di 21 anni fa – Lo vogliamo ricordare con alcune delle sue più belle canzoni…

 

Ivan Graziani

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity 

.

.

Un piccolo tributo a Ivan Graziani, il magico cantautore scomparso il 1° gennaio di 21 anni fa – Lo vogliamo ricordare con alcune delle sue più belle canzoni…

Se ne andava esattamente 21 anni fa, il 1°gennaio del 1997, il grande cantautore e rocker d’avanguardia Ivan Graziani, considerato ancora oggi tra gli artisti meno allineati del nostro panorama musicale, grande virtuoso della chitarra, autore di testi irriverenti e ironici in cui ha “disegnato” in note la provincia italiana, con il Gran Sasso e l’Abruzzo sullo sfondo.

“Sono così, mi piace, andare contro corrente…” scriveva Graziani nel 1989. Nella sua produzione musicale ha sempre tenuto fede a quelle parole, senza omologarsi alle tendenze della musica italiana anni ‘60 e ‘70, e quindi senza entrare nelle fila dei cantautori “politici” ispirati al folk di Dylan, o in quella degli importatori del rock’n’roll alla Elvis Presley o degli imitatori dei Beatles. Perché Graziani aveva da raccontare qualcosa di suo, e la grande padronanza della chitarra gli ha permesso di farlo in un modo musicalmente nuovo, inventandosi un linguaggio a metà tra il rock e la canzone d’autore, mai sentito prima in Italia. Una scelta agli antipodi della discografia di moda, che l’ha reso unico, e – per rovescio della medaglia – l’ha allontanato dal successo facile, quello della popolarità patinata, delle vendite facili e della riconoscibilità.

 

Nato a Teramo il 6 ottobre del 1945 sotto il segno della Bilancia, Ivan Graziani è stato uno dei cantautori più importanti della tradizione italiana, sicuramente sul podio dei migliori insieme ad artisti del calibro di Lucio Battisti. La sua continua innovazione e il suo essere così naturale gli hanno consentito di provare quasi ogni genere e cantare canzoni di ogni tipo, da quelle romantiche (indimenticabili) a quelle di protesta sociale.

Vogliamo ricordarlo qui con cinque delle sue più belle canzoni

Le cinque canzoni più belle di Ivan Graziani

È sempre difficile riuscire a fare una selezione di cinque canzoni, soprattutto quando trattiamo un mostro sacro della musica come Ivan Graziani. La nostra selezione vuole presentarsi come una panoramica sulla lunga attività dell’artista, andando a esplorare i suoi apsetti più noti ma anche quelli più sconosciuti al grande pubblico.

Ivan Graziani, Firenze canzone triste

Una fantastica poesia in musica per la splendida città di Firenze, il colosso toscano dagli occhi di marmo che fa innamorare al primo sguardo. Il settimo singolo dell’artista mostra ancora un aspetto sperimentale che il cantante con il tempo trasformerà nel suo genere unico nel mondo del cantautorato.

Di seguito il video di Firenze canzone triste:

Ivan Graziani, Agnese

Anno 1979: Agnese è uno dei primi successi del cantante che si affida a un accompagnamento musicale molto anni Settanta, forse poco audace ma sicuramente interpretato nel migliore dei modi. Se dal punto di vista musicale la canzone non regala niente di nuovo, il testo inizia a lasciar intravedere le abilità di Ivan, uno che sa disegnare rime inaspettate e creare con le parole scenari incantevoli in cui l’ascoltatore si perde in un sogno a occhi aperti.

Di seguito il video di Agnese:

Ivan Graziani, Lugano Addio

Con Lugano Addio siamo forse di fronte al più grande successo di Graziani. La musica è una ventata di aria fresca nel panorama italiano, c’è ritmo e soprattutto c’è una passione immensa che emerge prepotentemente dal giro di accordi. Da brividi i controcanti registrati su tracce separate.

Di seguito il video di Lugano Addio:

Ivan Graziani, Pigro

Difficile riconoscere in questa canzone di Ivan Graziani che si lancia in un vero e proprio esperimento musicale. Chiuso il romanticismo in un cassetto, Ivan Graziani si lancia in una canzone che sa tanto di critica sociale. La canzonetta, come l’hanno definita in molti, ha un messaggio decisamente profondo e ha avuto il suo successo.

Di seguito il video di Pigro:

Ivan Graziani, Il chitarrista

E non potevamo certo farci mancare un Ivan Graziani in versione decisamente rock. Con Il Chitarrista l’autore esplora il mondo delle chitarre elettriche, delle tastiere presenti e del basso prepotente. Fantastica.

Di seguito il video de Il chitarrista:

 

fonti varie dal Web

Ecco perchè il miele è più efficace degli antibiotici per curare la tosse secondo medici e scienziati…

 

miele

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity 

.

.

Ecco perchè il miele è più efficace degli antibiotici per curare la tosse secondo medici e scienziati…

È ufficiale: il miele è più efficace degli antibiotici per il trattamento della tosse, lo affermano gli scienziati.

Il miele è stato usato per secoli per trattare i sintomi del raffreddore e della tosse. Oltre ad essere delizioso, il miele non è altro che un tesoro liquido in termini di benefici per la salute. Antiossidante, antimicotico e antibatterico, è uno dei migliori antidoti naturalicontro molte malattie. Infatti, secondo il quotidiano Indipendent, gli esperti di salute hanno rivelato che il miele è più efficace degli antibiotici per curare la tosse.

Miele: il tuo primo alleato per curare la tosse

Gli esperti di salute hanno detto che per curare la tosse, il miele in combinazione con farmaci da banco è migliore degli antibiotici. Molte persone optano per la prescrizione degli antibiotici al primo sintomo di tosse e contrariamente a quello che pensano, questo automatismo non è assolutamente efficace.

Le nuove linee guida dell’Istituto nazionale di salute e cura (NICE) e della sanità pubblica inglese (PHE), hanno dimostrato che il miele può essere particolarmente efficace nel ridurre i sintomi di tosse acuta causata da infezioni del tratto respiratorio più alto. La tua tosse può quindi essere trattata in breve tempo senza l’uso di antibiotici.

La Dr. Tessa Lewis, presidente del NICE Antimicrobial Prescribing Guideline Group, ha dichiarato: “Se qualcuno ha il naso che cola, mal di gola e tosse, i sintomi possono andare via in due o tre settimane senza l’assunzione di antibiotici. Le persone possono controllare i loro sintomi chiedendo consiglio al loro farmacista”.

Tuttavia, il dott. Lewiss afferma che, dopo questo periodo, se i sintomi della tosse persistono o peggiorano e a ciò si aggiunge respiro corto o estremamente debole, è consigliabile consultare un medico. Inoltre, se una persona sviluppa una condizione preesistente come una malattia polmonare o fibrosi cistica, sarebbe meglio consultare un medico il prima possibile.

Secondo la bozza delle linee guida NICE, il miele, in combinazione con farmaci per la tosse, è una vera forza della natura e facilita la scomparsa dei sintomi della tosse.

Gli antibiotici possono essere efficaci nel trattamento delle infezioni causate da batteri. Tuttavia, la maggior parte delle tosse acuta è causata dai virus e non risponde agli antibiotici.

Gli antibiotici, oltre agli effetti collaterali, quando vengono utilizzati contro la tosse, non fanno alcuna differenza per quanto riguarda la gravità dei sintomi o la loro durata. Dovrebbero quindi essere usati solo quando l’infezione è batterica e non scompare da sola. Pertanto, gli antibiotici dovrebbero essere utilizzati solo quando assolutamente necessario in quanto i batteri sviluppano resistenza a questi farmaci, il che significa che più se ne prendono, più sono pericolosi per la salute.

La Dott.ssa Susan Hopkins, Assistant Director del Programma PHE per le infezioni associate all’assistenza sanitaria e la resistenza antimicrobica, ha dichiarato: “L’assunzione di antibiotici quando non ne hai bisogno mette a rischio te e la tua famiglia di contrarre un’infezione difficile da trattare”.

Invita inoltre i medici ad astenersi dal prescrivere antibiotici quando potrebbero non essere necessari.

Miele, perché è così prezioso e fa così bene?

Anche se le sue proprietà antibatteriche e antiossidanti sono molto efficaci,  in realtà è la natura appiccicosa del miele che fa la differenza. La sua viscosità lo rende un formidabile rimedio. È un lenitivo e un antimicrobico noto per alleviare le mucose irritate ed eliminare il sintomo della tosse.

Inoltre, secondo un altro studio sviluppato dal Dipartimento di Pediatria dell’Università della Pennsylvania,  il miele allevia i sintomi della tosse dei bambini, che si verificano di notte e allo stesso tempo curare i disturbi del sonno associato a un’infezione delle vie respiratorie nei bambini.

Come usare il miele per curare la tosse?

Ingredienti

· ½ limone, biologico

· 1 o 2 cucchiaini di miele puro, biologico

· Una tazza di acqua minerale

Preparazione

Bollire un pò d’acqua, riempire una tazza e spremere il succo di mezzo limone. Aggiungi uno o due cucchiaini di miele. Bevi il composto mentre è ancora caldo.

Puoi consumare questa bevanda la sera prima di andare a dormire.

 

tratto da: https://www.chedonna.it/2018/12/29/ecco-perche-il-miele-e-piu-efficace-degli-antibiotici-per-curare-la-tosse/

Tiziano Terzani: La presunzione dell’uomo bianco

 

Terzani

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity 

.

.

Tiziano Terzani: La presunzione dell’uomo bianco

Tiziano Terzani: La presunzione dell’uomo bianco

“Gli aborigeni vivevano in questo continente straordinario che è l’Australia con una civiltà che aveva modi di comunicare al di là di ciò che noi conosciamo: le parole… È arrivato l’uomo bianco e soltanto il vederlo, soltanto il vederlo, ha distrutto questa civiltà”.

Tiziano Terzani espone il grande problema della civiltà  occidentale, la presunzione dell’uomo bianco che crede di essere superiore a tutti gli altri abitanti della Terra. Chiarisce come la civiltà occidentale, che si considera più evoluta di altre, abbia cancellato tradizioni millenarie come quelle legate alla popolazione aborigena.

Tutta la nostra società è fatta per dare corda, invogliare alla violenza E allora violenza produce violenza, non c’è niente da fare. Il mondo non è più quello che conoscevamo, le nostre vite sono definitivamente cambiate. Forse questa è l’occasione per pensare diversamente da come abbiamo fatto finora, l’occasione per reinventarci il futuro e non rifare il cammino che ci ha portato all’oggi e potrebbe domani portarci al nulla, alla fine…

 

Un mitico Cult Vintage: La Linea episodio 001…!

Linea

 

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity 

.

.

Un mitico Cult Vintage: La Linea episodio 001…!

 

 

La Linea è il personaggio protagonista di un cartone animato ideato da Osvaldo Cavandoli. Il cartone animato è costituito da un uomo che percorre una linea virtualmente infinita e di cui è anch’esso parte integrante. Il personaggio incontra nel suo cammino numerosi ostacoli e spesso si rivolge al disegnatore (in un grammelot incomprensibile) affinché esso disegni la soluzione ai suoi problemi.

Storia

Nel 1969 Cavandoli propose questo personaggio (chiamato inizialmente Mr. Linea) ad alcune agenzie pubblicitarie che realizzavano filmati per il Carosello della RAI. Il personaggio piacque all’ingegner Emilio Lagostina, collezionista d’arte e titolare dell’omonima industria di pentole a pressione, che lo volle protagonista di alcuni caroselli per la sua azienda. La presentazione del personaggio, inizialmente chiamato Agostino Lagostina (il nome fu poi eliminato dopo la prima serie di Caroselli) fu questa: «Chi è Agostino? Un piccolo uomo vivace, dal naso realmente espressivo, con tutte le istanze e le preoccupazioni della vita moderna. Figlio di una matita e di una mano.»
Al personaggio venne associata la voce di Giancarlo Bonomi, che gli fornì una parlata onomatopeica dal vago accento milanese, e una colonna sonora vagamente jazz curata da Franco Godi e Corrado Tringali. Il personaggio divenne così protagonista di una serie di celebri spot pubblicitari, diffusi anche all’estero, dove sono anche stati prodotti dei DVD con le sue avventure.
Sull’onda del successo, nel 1972 La Linea divenne anche una striscia a fumetti che vinse numerosi premi internazionali. Ad essa seguirono poster, calendari e prodotti di merchandising.
All’inizio del 2007 la Lagostina ha cambiato il suo storico logo. Nel marzo dello stesso anno muore Osvaldo Cavandoli.

Il linguaggio de La Linea

Il borbottìo e le comiche imprecazioni del personaggio sono espresse in un linguaggio incomprensibile, una sorta di grammelot in cui non è difficile riconoscere alcune estemporanee espressioni in dialetto lombardo, i colori degli sfondi suggeriscono inoltre lo stato emotivo del personaggio, variando spesso e a seconda dei casi. Facile comprendere come questo non-linguaggio abbia molto aiutato la diffusione internazionale del personaggio, che non ha bisogno di alcun doppiaggio.

La Linea nel mondo

A partire dagli anni ottanta La Linea è stato testimonial, oltre che de Lagostina in Italia, anche di numerosi altri clienti in tutto il mondo.
Tra gli anni ottanta e novanta è stata protagonista di svariate campagne pubblicitarie, tra cui:
La carta di credito del Touring Club in Svizzera
La raccolta differenziata in Svezia
L’istituto di credito in Israele
Una società privata ospedaliera in Australia
Gli elettrodomestici Vestel in Turchia
Le bombolette a gas Twiny in Francia
La crema antiemorroidale Faktu in Germania
L’agenzia immobiliare Home in Danimarca
I telefoni cellulari Simplus in Polonia
L’agenzia di assicurazione Santam in Sudafrica.
Episodi de La Linea sono stati proiettati su schermi all’interno delle stazioni nelle metropolitane di Berlino, Francoforte e Colonia.
In Norvegia, a partire dal 30 giugno 2008, il giornale Dagbladet pubblica quotidianamente un episodio del personaggio di Cavandoli.
Nel 2012 la casa automobilistica statunitense Ford, adotta La Linea quale testimonial per la campagna pubblicitaria dell’automobile ibrida Ford C-Max Hybrid.

Influenze nella cultura popolare

La Linea è stata citata nel video musicale del singolo di Jamiroquai (Don’t) Give Hate a Chance (2005), in cui appaiono varianti tridimensionali del celebre personaggio oltre che mano e matita di un disegnatore.
Viene citata nella sigla finale dell’anime Itadakiman, facente parte della serie Time Bokan, in cui le silhouette che si muovono su La Linea sono quelle di tre personaggi della serie.
Le canzoni Bla Bla Bla e The Riddle di Gigi D’Agostino sono dedicate a La Linea, nei cui video musicali viene ripreso l’omino, modificato e animato a ritmo di musica.
Nel 2008 la rivista The Artist rende omaggio a Osvaldo Cavandoli e al suo personaggio con Cavandoli!, un fumetto disegnato da trenta autori umoristici italiani.

 

Il fantastico Capodanno di Fantozzi con il Maestro Canello…

 

Fantozzi

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity 

.

.

 

Il fantastico Capodanno di Fantozzi con il Maestro Canello…

Filini: Veglione di San Silvestro, orchestra Mario Canello, canta Pasquale Coppola, è un’organizzazione Filini! Lei logicamente dev’essere dei nostri! Solo 5000 lire… 

L’indimenticabile Capodanno del ragionier Fantozzi.

Di quella serata tragica, della pettinatura senza senso della signora Pina, del cappellino di pelo bianco della figlia Mariangela, del bacio mancato alla signorina Silvani si ricorda soprattutto il conto alla rovescia un’ora e mezzo prima per colpa del Maestro Canello “che aveva un altro impegno in un altro veglione e barò bassamente annunciando al microfono: mancano tre minuti a mezzanotte”.

“Alle dieci e trenta scarse finita la cena, il maestro Canello, che aveva un altro impegno in un altro veglione, barò bassamente annunciando al microfono: Attenzione, mancano tre minuti a mezzanotte, rimettete gli orologi, preparate lo spumante!”

Gli animali domestici in casa difendono i vostri bambini dalle allergie

 

animali domestici

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity 

.

.

Gli animali domestici in casa difendono i vostri bambini dalle allergie

Più amici a 4 zampe ci sono, minore è il rischio di svilupparle

La conferma arriva da uno studio pubblicato sulla rivista PLoS One

Maggiore è la frequenza di contatto da piccoli con animali domestici, ad esempio cani e gatti, minore è il rischio di sviluppare allergie per i bambini, o eczema e asma.
La conferma arriva da uno studio pubblicato sulla rivista PLoS One e reso noto dal magazine britannico New Scientist.
Lo studio è stato condotto da Bill Hesselmar dell’Università svedese di Göteborg rianalizzando i dati di due ricerche. La prima ha coinvolto 1029 bambini di 8-9 anni ed è emerso che se l’incidenza di allergie è del 49% tra i piccoli che nel primo anno di vita non hanno avuto contatti con animali domestici, il tasso scende al 43% tra i bimbi che da piccoli hanno vissuto con un animale in casa, al 24% per i bambini che hanno vissuto con tre animali. Due dei bambini hanno vissuto con 5 animali i primi 12 mesi di vita e nessuno dei due ha sviluppato allergie.
Nell’altro studio sono stati monitorati dalla nascita 249 bambini. Dopo 8-9 anni il tasso di allergie era del 48% per bambini non esposti a presenza di animali domestici il primo anno di vita, del 35% per i bimbi che hanno vissuto con un animale, del 21% tra i bimbi che hanno vissuto con due o più animali.
Hesselmar ritiene che gli animali domestici siano portatori di microbi che stimolano il sistema immunitario in modo tale che i bambini non divengano allergici. Trascorrere tempo con altri bambini e all’aperto potrebbe avere a sua volta un effetto protettivo, conclude.

(ANSA)

Fonte: http://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/salute_bambini/medicina/2018/12/27/gli-animali-domestici-in-casa-difendono-i-bambini-dalle-allergie_673c5096-9d1e-483a-b399-e6a5d1f9c7aa.html

 

Un grande alleato per la nostra salute – Dal colesterolo al diabete all’obesità fino alla prevenzione di ictus e infarto: anche i mandarini tolgono il medico di torno…

 

mandarini

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity 

.

.

 

Un grande alleato per la nostra salute – Dal colesterolo al diabete all’obesità fino alla prevenzione di ictus e infarto: anche i mandarini tolgono il medico di torno…

Colesterolo, diabete, obesità, prevenzione di ictus e infarto: i mandarini hanno ‘mille’ preziose proprietà

I mandarini sono dei veri e propri scrigni del tesoro che nascondono un elisir di salute: ecco quanti e come mangiarli per prevenire malattie e malanni di stagione

Gli agrumi sono estremamente ricchi di antiossidanti che prevengono le infezioni e rafforzano il sistema immunitario. Tra questi il mandarino, nella famiglia delle Rutacee, è sicuramente quello che registra una maggiore concentrazione di flavonoidi, tra i quali spicca la nobiletina, sostanza che aiuta ad abbassare i livelli di glucosio e colesterolo nel sangue, e a prevenire l’aterosclerosi, patologia che anticipa malattie cardiocircolatorie come ictus e infarto. Consumare tutti i giorni questi agrumi avrebbe un’azione benefica sul controllo del diabete (in particolare quello di tipo 2) e dell’obesità. Tra le vitamine del mandarino quella più presente è la vitamina C, che si concentra nella buccia e soprattutto nell’“albedo” ovvero la pellicina che in genere togliamo sbucciando il frutto. La vitamina C ha molteplici virtù terapeutiche: favorisce la sintesi del collagene, una proteina che protegge la pelle, i tendini e le gengive; è indispensabile nella prevenzione delle infezioni e accelera i tempi di cicatrizzazione delle ferite.

Chi fuma dovrebbe assumere quotidianamente vitamina C perché la nicotina azzera le scorte di questa vitamina nell’organismo. È inoltre utile per chi è convalescente ed ha assunto antibiotici o antipiretici e per chi fa uso di cortisonici o contraccettivi orali. Le persone soggette a frequenti infezioni, raffreddori, afte, gengiviti o epistassi (emorragie di sangue dal naso), dovrebbero integrare giornalmente la loro dieta con dosi di vitamina C estratta dai frutti, come gli agrumi. Il consumo giornaliero di alimenti contenenti dosi massicce di vitamina C dimezza il rischio di tumori a bocca, laringe e stomaco e riduce del 20% quello di ictus. La vitamina C, infine, è indispensabile in inverno per evitare febbri e influenze: sono sufficienti un paio di mandarini al giorno per vaccinarsi contro i malanni del grande freddo. Nei mandarini non mancano le vitamine del gruppo B (niacina, tiamina, vitamina B6) e i sali minerali (ferro, rame, calcio, manganese e soprattutto potassio, reidratante e stimolante della diuresi), acido folico (previene l’osteoporosi) e fibra, che ha l’effetto di un lassativo naturale.

fonte: http://www.meteoweb.eu/2018/12/mandarini-colesterolo-diabete-ictus-infarto/1197938/

Un’altro spettacolo dal cielo per Capodanno – Altro che fuochi d’artificio, arrivano le Draconidi. Prepariamoci ad una fine dell’anno sotto le stelle cadenti…

 

Capodanno

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity 

.

.

 

Un’altro spettacolo dal cielo per Capodanno – Altro che fuochi d’artificio, arrivano le Draconidi. Prepariamoci ad una fine dell’anno sotto le stelle cadenti…

 

Fine dell’anno sotto le stelle cadenti: arrivano le Draconidi per Capodanno

Altro che fuochi d’artificio! Arrivano bellissimi fuochi naturali, ben più emozionanti e senza rischi. La fine dell’anno vedrà infatti un’altra pioggia di Draconidi (dopo quella di ottobre). Il picco sarà in realtà la notte tra il 30 e 31, ma non è da escludere qualche desiderio da esprimere anche la notte successiva, quando saluteremo il 2018.

Le Draconidi (dette anche Giacobinidi) sono famose per illuminare il cielo di ottobre. Residui della cometa 21P / Giacobini-Zinner, vengono ricordate per i loro bolidi (molto imprevedibili) del decimo mese dell’anno, e in qualche annata hanno regalato degli spettacoli indimenticabili.

Meno nota è invece la corrente di dicembre, di cui si parla molto poco, sicuramente perché individuata recentemente e forse perché “oscurata” dalle Geminidi e spesso anche dalle Ursidi, che però quest’anno non erano attese con molto fervore a causa del picco in coincidenza con la luna piena (22 dicembre).

Come spiega l’Uai, lo sciame fu scoperto dalla Sezione Meteore olandese (DMS) nel 1992 e confermato nel 1995, ed è ancora tutto da studiare. Non si conoscono infatti molto dettagli, ma si sa che dovremmo guardare, come a ottobre, in direzione della costellazione del Drago.

In questo 2018 il radiante sarà visibile per tutta la notte, e raggiungerà la massima altezza sull’orizzonte prima dell’alba. Il picco è previsto la notte prima di Capodanno, tra il 30 e il 31, e sarà particolarmente favorevole all’osservazione perché la Luna sarà a meno del 50% di visibilità e comunque il maggior numero delle meteore è atteso nelle ore notturne (nella mappa il cielo del 31 dicembre alle 2 circa).

draconidi 31dic h2.00

 

Non spariamo fuochi artificiali, inquinanti e pericolosi per gli animali. La natura ci offre spettacoli gratis, stupendi e del tutto innocui.

Pronti i desideri per l’anno nuovo che arriva?

 

 

fonte: https://www.greenme.it/informarsi/universo/29906-draconidi-stelle-cadenti-capodanno