Il Toro si suicida terrorizzato dal fuoco sulle corna: godetevi la schifosa tradizione del “toro embolado”, la più disgustosa tra le corride… Io, come uomo e (cosiddetto) essere umano me ne vergogno…!

 

Toro

 

.

.

seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity 

.

.

 

Il Toro si suicida terrorizzato dal fuoco sulle corna: godetevi la schifosa tradizione del “toro embolado”, la più disgustosa tra le corride… Io, come uomo e (cosiddetto) essere umano me ne vergogno…!

 

Il Toro si suicida terrorizzato dal fuoco sulle corna: l’assurda tradizione del “toro embolado”

Una scena terribile. Il toro terrorizzato dalla fiamme che gli avvolgono le corna si lancia contro un paletto e si accascia morto sul colpo. Suicidato. Nessuna triste fatalità, ma la consueta e barbarica tradizione spagnola delle “feste” con i tori come vittime sacrificali.

Si chiama Toro embolado ed è forse la declinazione più crudele delle corride. Consiste nel prendere un povero toro, tenerlo legato a un palo posto al centro dell’arena il tempo necessario per mettergli sulle corna una tavola di legno con alle estremità due torce di stoppa imbevute di carburante e dargli fuoco, poi si libera l’animale mentre i partecipanti danno prova del loro “coraggio” tormentandolo.

Un’atrocità ancora molto diffusa specie in Catalogna e nella Comunità Valenciana. Il 22 luglio scorso, durante la festa del Toro embolado di Foios, cittadina a nord di Valencia, il bovino appena liberato, in preda ad un folle terrore, si è lanciato di corsa contro il palo a cui era legato fino a pochi istanti prima, morendo sul colpo e ponendo così fine alla sua agonia, tra la delusione degli astanti che avrebbero probabilmente voluto godersi lo spettacolo più a lungo.

Uno spettacolo che si basa sulla tortura, dove un toro viene terrorizzato e ustionato per il divertimento popolare. Terribile quanto ancora radicato nonostante le proteste che ogni anno accompagnano queste manifestazioni e le ripetute richieste di una messa al bando definitiva di questa tradizione di stampo medievale.

In alcune città, come a Valencia, la festa del Toro embolado è stata abolita, mentre in altri comuni spagnoli i tori in carne e ossa sono stati sostituiti con tori meccanici alle cui corna vengono fissati petardi e fuochi d’artificio. Al fine di salvaguardare il valore simbolico della tradizione, senza inutili crudeltà su altri esseri viventi.

Tuttavia in molte città questa forma di tortura continua ad essere esercitata. Una competizione, come tutte le corride, dove il Toro non vince mai. E alla fine dello spettacolo, se ancora vivo, viene condotto al macello per essere ucciso, dopo aver subito ustioni in buona parte del corpo.

 

tratto da: http://www.dolcevitaonline.it/il-toro-si-suicida-terrorizzato-dal-fuoco-sulle-corna-lassurda-tradizione-del-toro-embolado/

La vendetta: banda di bracconieri a caccia di animali protetti, sbranata da branco di leoni in una riserva del Sudafrica. Com’è che non mi dispiace affatto?

 

leoni

.

.

seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity 

.

.

 

 

La vendetta: banda di bracconieri a caccia di animali protetti, sbranata da branco di leoni in una riserva del Sudafrica. Com’è che non mi dispiace affatto?

Banda di bracconieri sbranata da branco di leoni in Sudafrica

In Sudafrica un gruppo di leoni ha sbranato una banda di bracconieri composta almeno da due persone, che si trovavano in una riserva probabilmente per cacciare rinoceronti. La vicenda, che fa da contraltare a quella del rinoceronte ucciso per un centimetro di corno pochi giorni fa, è riportata dal sito locale Sowetan Live.

L’attacco è avvenuto nella Sibuya Game Reserve, nella parte orientale del paese. Vicino ai resti delle persone sbranate sono stati trovati un fucile da caccia con il silenziatore, un’ascia e delle pinze taglia-fili, tutti ‘attrezzi’ usati di solito dai bracconieri. L’arma è ora sotto analisi da parte della polizia, che sta verificando se è già stata usata in crimini simili in precedenza. “A giudicare dalle scarpe e dagli oggetti trovati erano due, forse tre persone – afferma Nick Fox, il gestore del parco che ha già avuto incursioni in precedenza. I resti erano sparsi su un’area molto ampia, ma è certo che fossero bracconieri. L’ascia trovata è del tipo usato per staccare il corno dopo aver ucciso l’animale”.

Il branco che ha assalito gli uomini è di sei leoni, che ora sono tenuti ‘sotto osservazione’. I commenti alla notizia su Facebook sono tutti ‘dalla parte’ degli animali, nota Fox, con molti che inneggiano al ‘karma’ proprio in riferimento alla vicenda del rinoceronte ucciso qualche giorno fa, avvenuto in un’altra riserva.

tratto da:

https://www.facebook.com/rhinofoundation/posts/1863483003673188