8 marzo – Ricordiamo Ipazia d’Egitto, la grande scienziata assassinata dai fondamentalisti Cristiani.

Ipazia d'Egitto

 

Ipazia d'Egitto

 

.

seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity 

.

.

8 marzo – Ricordiamo Ipazia d’Egitto, la grande scienziata assassinata dai fondamentalisti Cristiani.

Il ricordo di una grande donna e grande scienziata che anticipò i secoli con il suo pensiero, ma fu barbaramente uccisa dai fondamentalisti cristiani.

Una festa della donna l’8 marzo del 415 d.C. non era nemmeno immaginabile. Eppure c’è un filo che lega quel giorno così lontano al nostro presente, perché in quella data fu barbaramente uccisa una delle più grandi menti della storia: Ipazia d’Egitto, scienziata che fu vittima del fondamentalismo religioso che vedeva in lei una nemica del cristianesimo, forse per la sua amicizia con il prefetto romano Oreste che era nemico politico di Cirillo, vescovo di Alessandria (nonché venerato come santo della Santa Romana Chiesa, ma questa, forse, è un’altra storia).

Malgrado Ipazia fosse intima amica con Sinesio, vescovo di Tolemaide, che spesso seguiva le sue lezioni, i fondamentalisti temevano che la sua filosofia neoplatonica, il suo pensiero, la sua libertà, la sua mente così proiettata verso il futuro, il suo modo di discutere da pari a pari con scienziati e intellettuali (tutti rigorosamente uomini) della sua epoca, avessero un’influenza pagana, e dunque negativa, sulla comunità cristiana di Alessandria.

Il suo assassinio è stato uno dei più terribili e atroci crimini commessi dall’umanità contro la cultura e la scienza: la sua morte però segnò l’inizio del declino per Alessandria d’Egitto. Molti suoi studenti abbandonarono la città, divenuta nei secoli un famoso centro culturale di tutto il mondo antico, soprattutto per la sua biblioteca, bruciata dai soldati romani nel III secolo d. C. e che, si racconta, contenesse oltre 500.000 volumi, ovvero tutto lo scibile dell’epoca.

Secoli dopo, un’altra grande donna e scienziata, Margherita Hack, scrisse nella prefazione al libro “Ipazia. Vita e sogni di una scienziata del IV secolo d.c.” di Antonio Colavito e Adriano Petta (La Lepre Edizioni): “Ipazia rappresenta il simbolo dell’amore per la verità, per la ragione, per la scienza che aveva fatto grande la civiltà ellenica. Con il suo sacrificio comincia quel lungo periodo oscuro in cui il fondamentalismo religioso tenta di soffocare la ragione. Tanti altri martiri sono stati orrendamente torturati e uccisi. Il 17 febbraio 1600 Giordano Bruno fu mandato al rogo per eresia, lui che scriveva: «Esistono innumerevoli soli; innumerevoli terre ruotano attorno a questi, similmente a come i sette pianeti ruotano attorno al nostro Sole. Questi mondi sono abitati da esseri viventi». Galileo, convinto sostenitore della teoria copernicana, indirettamente provata dalla sua scoperta dei quattro maggiori satelliti di Giove, fu costretto ad abiurare”.

Perché purtroppo ancora oggi il fondamentalismo non è morto, anzi…

 

tratto da Globalist – https://www.globalist.it/culture/2017/03/08/ipazia-la-scienziata-che-fu-assassinata-per-mano-dei-fondamentalisti-212847.html

8 marzo – Ricordiamo Ipazia d’Egitto, la grande scienziata assassinata dai fondamentalisti Cristiani.ultima modifica: 2019-03-07T20:02:36+01:00da eles-1966
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento